Hai bisogno di utilizzare WooCommerce in modalità "catalogo", ma non vuoi installare plugin che potrebbero appesantire il tuo sito web?
Ecco come fare, con 2 semplici righe di codice.

Ma prima due premesse...

Premessa 1 - perchè usare per modalità "Catalogo"?

A volte si ha la necessità di strutturare i propri contenuti ed il proprio catalogo prodotti senza voler mettere in vendita online.
Mi viene in mente ad esempio il mondo dell'arte... dove è difficile pensare che certe opere vengano acquistate a scatola chiusa semplicemente perchè viste su un sito.
Ma non è certo l'unico esempio che si potrebbe tirare fuori. I casi sono diversi, ed a prescindere dalle motivazioni, a volte è utile poter sfruttare la strutturazione e la catalogazione già presente all'interno di WooCommerce, per non andare a riscoprire la ruota creando da zero la propria struttura dati, senza sfruttare le funzionalità di vendita vera e propria (ordini, pagamenti, ecc...)

Premessa 2 - Fai le cose con criterio

Le possibilità che hai a disposizione, a questo punto, sono due:

  • Utilizzare un plugin che fa questo per te (appesantendo il sito, e con il rischio di incompatibilità)
  • Scrivere qualche riga di codice, che serva esclusivamente a rimuovere le funzionalità di acquisto dal sito.

La seconda soluzione è quella di cui parliamo qui: leggera, mirata e che non ti rende dipendente da altri strumenti.

C'è un però: se decidi di implementare manualmente la modalità catalogo, devi avere qualche accortezza per scrivere codice senza rischiare di "rompere" il sito o di perdere le funzionalità che implementi, nel tempo.

Se utilizzi un tema gratuito (ad esempio, Storefront di WooCommerce), o un tema acquistato, fai bene attenzione a non modificare in alcun modo il codice del tema principale.
Questo perchè se poi in futuro il tema verrà aggiornato, le modifiche fatte da te andranno perse, e per ripristinare sarai costretto a riscrivere il codice. Meglio evitare, giusto?

Quindi, come prima cosa crea un Tema Child, oppure un Plugin, per poter inserire il codice necessario.
Se utilizzi un Tema Child, il codice andrà inserito nel file functions.php. Se invece utilizzi un plugin, inseriscilo nel file principale del plugin.

Nota bene: non è questo l'articolo dedicato alla creazione di Temi Child o di Plugin personalizzati. Ne scriverò uno un giorno, ma in questo momento diamo per scontato che tu sappia come fare, o abbia trovato online una guida che ti spieghi come procedere nella creazione.

Trasformare WooCommerce in un catalogo

Per trasformare WooCommerce in un catalogo, quindi per inibire le funzionalità di pagamento (e di conseguenza tutto quello che viene dopo) non devi fare altro che aggiungere queste semplici righe di codice:

remove_action( 'woocommerce_after_shop_loop_item', 'woocommerce_template_loop_add_to_cart');
remove_action( 'woocommerce_single_product_summary', 'woocommerce_template_single_add_to_cart');

Questo codice non farà altro che rimuovere il pulsante di acquisto da tutte le pagina di WooCommerce, rendendo quindi impossibile effettuare l’acquisto di prodotti, diventando così un semplice catalogo con i prezzi.

Inserire queste due righe di codice sarà sufficiente ad impedire agli utenti di acquistare (aggiungere al carrello, procedere con il checkout e pagare), tuttavia ti suggerisco anche di disabilitare tutti i metodi di pagamento, così se mai qualche utente finisse nella pagina di checkout con qualche prodotto inserito a carrello, non potrebbe comunque finalizzare l'ordine.

Ed a proposito di carrello: dovrai anche rimuovere gli eventuali elementi all'interno della grafica del tema che potrebbero far arrivare l'utente direttamente sulla pagina del carrello.
Mi viene in mente ad esempio l'icona del basket presente spesso nella testata di alcuni temi specifici per commerce.

Ricordati di rimuovere tramite impostazioni, o di nascondere via css, questo tipo di elementi.
In caso scegliessi di utilizzare qualche regola css per nascondere icona o elementi grafici di rimando al carrello, sappi che il CSS da utilizzare varierà in base al tema che stai utilizzando, quindi non vi è un codice CSS universale, ma bisognerebbe vedere quali classi usa il tema e muoversi di conseguenza.

In conclusione...

Come hai potuto vedere, trasformare WooCommerce in un catalogo senza possibilità di acquisto è un'operazione piuttosto semplice, che non richiede necessariamente l'utilizzo di plugin complessi, che potrebbero appesantire inutilmente il sito web, o creare incompatibilità. Certo, bisogna avere un po' di dimestichezza con il codice. Prossimamente scriverò una guida sulla realizzazione di Temi Child o di Plugin personalizzati, così da poter gestire in autonomia questo tipo di piccoli interventi.

Nel mercato frenetico di oggi, avere un sito web è diventato più una necessità che un lusso.
Un sito web mette in mostra la tua attività ai potenziali clienti ed è la spina dorsale della presenza online di un marchio.
Tuttavia, come per un macchinario industriale con parti mobili e soggette ad usura, un sito web richiede aggiornamenti regolari per garantire prestazioni (tecniche ma anche SEO) e sicurezza ottimali. Ecco mantenere e aggiornare con regolarità un sito web è essenziale.

Sono decine le motivazioni, ma ne ho raccolte 6 che penso siano già sufficineti a far scattere qualcosa.

1. Esperienza utente senza soluzione di continuità

Mantenere un sito web aggiornato e privo di errori è fondamentale per un'esperienza utente positiva.
I siti web stanno diventando sempre più complessi e le aspettative degli utenti sono in aumento. Mantenere aggiornato un sito aiuterà gli utenti a rimanere soddisfatti e felici. Aspetto fondamentale per dare qualità e consistenza alle visite e stimolare condividioni ed un passaparola positivo.

Pubblicare contenuti nuovi e di tendenza e aggiornare regolarmente i prodotti aiuterà a mantenere il brand sotto i riflettori (degli utenti, ma anche di Google) e i visitatori del sito saranno stimolati e via via sempre più curiosi di vedere contenuti nuovi.

Manutenzione e aggiornamento regolari sono fattori essenziali da considerare, quando si parla di trasformare gli utenti in utenti fedeli prima, e clienti poi.

2. Consolidare la fiducia di utenti e clienti

Spesso e volentieri il design del sito web è la causa della prima impressione che gli utenti si fanno, in ogni settore: avere un sito web obsoleto può minare la tua reputazione.

Un sito ottimizzato migliora l'esperienza utente e di conseguenza genera più traffico.
Il sito web è tendenzialmente la proiezione dell'azienda e dei suoi valori.

Vuoi davvero che rimanga abbandonato, non aggiornato, stilisticamente vecchio, a rischio di rovinare la percezione che il mondo ha di te?

Banalmente, se il tuo sito è spesso down, puoi ben capire che gli utenti si faranno una determinata opinione di te, della tua attività, anche solo perchè non poni la giusta cura e attenzione a mantere una delle tue risorse funzionante e performante. Come potrà quindi esserci cura per gli affari, i prodotti ed i risultati di un ipotetico cliente?

3. Diminuzione del rischio di errori

Quando crei e metti online un nuovo sito web, è possibile che all'inizio ci siano alcuni errori da risolvere. Più che possibile: diciamo pure comune.
Gli errori più semplici e ricorrenti includono immagini mancanti, collegamenti interrotti e informazioni incomplete.
Questi tipi di errori possono far sembrare il sito web poco professionale e sciatto.

Con una manutenzione regolare puoi mantenere il sito web privo di errori.
Inoltre, non meno importante, controllare e verificare lo stato del sito web aiuta a prevenire gravi problemi di sicurezza, il che previene tutta una serie di problemi e concorre al dimostrare cura e precisione sui propri strumenti (e quindi, per assonanza, sui prodotti o servizi offerti ai potenziali clienti).

4. Miglioramento delle prestazioni sui motori di ricerca

Se un sito web non è soggetto ad aggiornamenti regolari (e intendo aggiornamenti nei contenuti) sarà più difficile che appaia nella parte superiore dei risultati dei motori di ricerca per gli che cercano un prodotto o un servizio specifico. Sappiamo bene che dalla seconda pagina dei risultati di ricerca in avanti, è come non esistere. Quindi, quante vendite o contatti persi può voler dire non aggiornare il sito?

Senza addentrarci nella materia vasta e complessa della SEO, quello che sta alla base è che aggiornare il sito con contenuti veramente utili agli utenti è LA cosa che funziona.
Quindi, ad esempio, mantenere un blog o una sezione news / aggiornamenti, è un ottimo modo per rimanere in contatto con gli utenti e pubblicare regolarmente nuovi contenuti mostra a Google che il sito ha informazioni pertinenti e fresche da condividere.

Allo stesso modo, errori tecnici ricorrenti (pagine non trovate, collegamenti mancanti, errori database o del server) minano il posizionamento in maniera profonda.
Assicurati di non ignorare gli errori, anche piccoli, presenti sul sito. Sono più importanti di quanto si possa pensare.

Certo, non è sufficiente fare manutenzione tecnica al sito per posizionarlo, ma è un tassello nel grande disegno del posizionamento.

5. Velocità del sito web migliorata

A nessuno piace aspettare il caricamento delle pagine, anche se contengono informazioni o prodotti spettacolari.
I tempi lenti di caricamento della pagina possono far sì che gli utenti abbandonino il sito ancora prima che venga caricato.
Se il sito è lento, è necessario approfondire e capire il perchè, così da trovare una soluzione efficace.

Sono molti i fattori che influenzano le prestazioni di un sito web, tra cui la dimensione dei file, il tempo di risposta del server, il numero di query fatte al database, le richieste totali effettuate, ecc... Per fortuna, puoi fare molte cose per ottimizzare le prestazioni, come ridurre le dimensioni delle immagini, minimizzare gli script e combinare i file CSS.
Questo processo continuo è una parte vitale della manutenzione di un sito web.

Ottimizzando il sito, incluso l'aggiornamento del core del CMS (WordPress o qualunque CMS usato) e ripulire immagini e file multimediali, ti aiuterà a far accedere gli utenti più rapidamente al sito, e questo migliorerà la percezione che gli utenti hanno.
Al contrario, un sito web lento darà l'idea di poco professionale e sicuramente ti farà perdere utenti e conversioni, che siano vendite, lead o contatti.

6. Maggiore sicurezza del sito web

Fare manutenzione regolare aiuta a tenere a bada le vulnerabilità di sicurezza, proteggendo i siti da possibili tentativi di hacking e accessi non autorizzati.

La maggior parte dei clienti ha difficoltà a dedicare tempo e risorse per eseguire una manutenzione regolare sui propri siti web.
E' fondamentale far capire loro l'importanza della manutenzione ordinaria per garantire la sicurezza ottimale del sito web.

Questi suggerimenti, semplici, forse banali ma a quanto pare mai scontati, possono aiutarti a proteggere il sito:

  • Imposta password complesse - cambiale frequentemente - usa password diverse per ogni piattaforma;
  • Aggiorna il CMS per rimanere aggiornato con le ultime funzionalità;
  • Controlla il changelog dei plugin e aggiornali sopratutto quando gli aggiornamenti risolvono problemi di sicurezza;

In Conclusione

Manutenzione e aggiornamento sono fondamentali per un sito web, così da mantenerlo funzionante senza intoppi e dall'aspetto moderno ed in generale accattivante nel tempo, sia per gli utenti stessi che parallelamente per i motori di ricerca.

Proteggere i siti web tuoi o di tuoi clienti, dai rischi per la sicurezza è essenziale per garantire che gli utenti abbiano un'esperienza positiva quando visitano il sito.

Se al momento non stai eseguendo regolarmente manutenzione a aggiornamento suoi tuoi siti web, il mio consiglio è vivamente di iniziare il prima possibile.
Non solo aiuterà a mantenere il sito accattivante, ma ti aiuterà anche a garantire che il sito funzioni correttamente e in modo sicuro.

Copyright © 2022 . All Rights Reserved . De Angelis Michele . p.iva 04126150400
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Inoltre, questo sito installa Google Analytics nella versione 4 (GA4), Facebook Remarketing con trasmissione di dati anonimi tramite proxy.
Prestando il consenso, l'invio dei dati sarà effettuato in maniera anonima, tutelando così la tua privacy.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram